Isola del Liri Candidata a Citta Creativa Unesco 2019 nel settore Media Arts

Isola del Liri Creativa

 

«Il capitalismo industriale che ha avuto il suo archetipo fondante nel capitale-macchine e nel lavoro di fabbrica viene oggi riletto, sempre più concordemente, come capitalismo cognitivo. Il capitalismo cognitivo, al contrario del suo precedente “industriale”, non genera valore trasformando le condizioni materiali dell’esistenza, ma trasformando e utilizzando pensieri, emozioni, identità. Scienza e tecnologia diventano fattori potenti di cambiamento che in pochi anni trasformano radicalmente cicli produttivi e abitudini di consumo, Ma il loro luogo di applicazione è sempre meno la fabbrica manifatturiera, dove si svolgono cambiamenti materiali, e sempre più la mente, il pensiero messo in rete nello spazio virtuale delle comunicazioni.» Enzo Rullani
(Economia della conoscenza. Creatività e valore nelle reti)

Isola del Liri in provincia di Frosinone, è situata in posizione baricentrica rispetto alle grandi metropoli di Roma e Napoli. La città è nota per la cascata grande che precipita - unico caso al mondo - all’interno del suo centro storico. Ma non è la sola caratteristica: la città prende il suo nome dall’isola fluviale ove durante il medioevo si stanziarono le prime persone, le quali diedero vita ad una comunità unita ed estremamente laboriosa.

Fino agli anni ’80 è stato un polo di innovazione tecnologica ante litteram grazie alla concentrazione delle industrie cartarie lungo il corso del fiume Liri che da sempre ha connotato la città e ha contribuito al suo sviluppo industriale, economico e culturale. La città, dalla tipica configurazione post industriale, è stata alla ricerca di una nuova identità e di un nuovo posizionamento, necessario per fronteggiare la crisi economica e occupazionale. Lo spopolamento rappresenta un problema tipico delle aree interne del paese, legato alla cannibalizzazione di capitali economici e umani ad opera della capitale. La cittadinanza ha deciso di investire sulla sua vocazione culturale e creativa, al pari di molte esperienze europee (es. Linz, Manchester, ecc.), attraverso la media art: sempre in divenire come la tecnologia e l’innovazione, fluida e senza forma come l’acqua.

 

Write to me!
1/2

Write to me!

from